Donato un sorriso al Bambino Gesù

Il Il sorriso di un bambino ha tante forme. Al Bambino Gesù di Roma oggi ha le sembianze di una lavagna. Una lavagna dove i piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico potranno mettere in mostra i propri disegni, realizzati durante l’attesa per una visita medica.

Oggi infatti, grazie ad una donazione dell’Associazione Bimbi con il Sorriso Onlus, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma è riuscito a ristrutturare la sala d’aspetto del Day Hospital di Oncoematologia.

Grazie all’Associazione è stata migliorata l’accessibilità e la fruibilità dei locali, attraverso la realizzazione di opere civili e l’acquisto dell’arredo della sala.

“Il DH di Oncoematologia ospita ogni anno più di 5.000 pazienti, circa 80 ogni giorno, provenienti da ogni parte d’Italia – come afferma il Prof. Franco Locatelli, Direttore del Dipartimento di Oncoematologia– principalmente per effettuare controlli clinici, ematochimici e strumentali a pazienti in trattamento e fuori terapia. A volte l’attesa è lunga, i bambini stanno tutto il giorno nel reparto, e noi riteniamo che rendere il loro soggiorno più confortevole possa giovare anche alla loro salute.”

L’associazione Bimbi con il Sorriso è una Onlus che con la sua attività si impegna a garantire ai bambini il pieno godimento dei propri diritti, finanziando progetti che hanno l’obiettivo di realizzare interventi indispensabili alle strutture ospedaliere, pediatriche e non.  E proprio lo scorso anno, prima dell’inizio dell’Estate, visitando l’Ospedale, Francesco Lanzi – Presidente della Onlus in compagnia della dott.ssa Celesti – Responsabile dei Servizi per l’Accoglienza e la famiglia del Bambino Gesù -, ha condiviso subito la necessità di un intervento presso la sala di aspetto del Day Hospital di oncoematologia del nosocomio romano.

E oggi possiamo dire che l’intervento più apprezzato dai bambini è stato, senza dubbio, la lavagna!

L’accoglienza dei pazienti e delle proprie famiglie, fin dal primo contatto con l’Ospedale, è un aspetto fondamentale del processo di cura: il cuore dell’attività assistenziale del Bambino Gesù. Perché la storia di ogni bambino non è solo la storia della sua malattia. Per queste ragioni – come sottolineato dalla dott.ssa Celesti -l’Ospedale promuove una vera e propria “Terapia dell’accoglienza” che prende corpo grazie ad una serie di piccoli accorgimenti che, in particolari situazioni, assumono un grandissimo valore, come una lavagna.

Ora, in attesa di scoprire un piccolo talento alla Monet o alla Kandinsky, – come sottolineato dal Presidente dell’Associazione Bimbi con il sorriso Onlus -ci accontentiamo di donare un sorriso ai piccoli pazienti del Bambino Gesù.

Leave a Reply

Your email address will not be published.