La principessa Salma è tornata a casa

La storia di una diagnosi difficile, con un finale ancora da scrivere

In Africa, a Zanzibar, è nata Salma e qui vive con la sua famiglia. Il suo nome ha origini arabe e significa “essere al sicuro”. La sicurezza, per definizione, è essere lontano da qualsiasi pericolo. È quella sensazione che dà un abbraccio dolce e gentile, che stringe forte quando ce n’è più bisogno.

E quando si vive una malattia è inevitabile che la sensazione di sicurezza vacilli.

Quando, per le sue condizioni di salute, la sua mamma porta Salma in un ospedale tanzaniano la diagnosi sembra semplice e arriva presto: ha una malformazione urogenitale. In quel momento, forse, un po’ di quella sicurezza che la sua bimba porta nel nome, in mamma Samira è tornata. Nonostante le cure, però, i sintomi di Salma peggiorano, le visite in ospedale aumentano e la sua mamma cerca disperatamente risposte.

Trovare la giusta diagnosi

Grazie all’interessamento di due associazioni che lavorano in Tanzania, Salma arriva a Roma, al Bambino Gesù, dove incontra tanti dottori. Passano diversi giorni, che diventano mesi, scanditi da analisi e test approfonditi. Uno in particolare, una biopsia renale, rileva che Salma ha una malattia ben più grave: un’atrofia che non permette ai suoi reni di svolgere la loro funzione e di depurare il suo organismo. La notizia per mamma Samira è difficile da affrontare, ma ne è sollevata perché finalmente il percorso di indagine dà delle risposte e un nome certo alle origini del malessere della sua bambina.

Dopo un intervento e 5 mesi in Ospedale Salma è tornata a casa, a Zanzibar, va a scuola e grazie all’aiuto dell’associazione che la segue prende i farmaci e monitora con degli esami il funzionamento dei suoi reni, curata nell’ospedale di Dar Es Salaam. La sua nefropatia è gestibile al momento, ma non sappiamo quale sarà l’evoluzione della malattia.

Salma è tornata a casa e ci manda le sue foto: in ognuna ha un vestito diverso e colorato. Come quelli di Shahrazād, la principessa bella e furba delle Mille e una Notte che incarna chi sa destreggiarsi in tutte le avversità della vita, la sua principessa preferita. Salma si è riappropriata del significato del suo nome, è tornata a casa e dovrà tornare ancora a Roma per monitorare l’andamento della sua malattia.

Noi la aspettiamo a braccia aperte.

18/3/2021

Cure umanitarie - Frammenti di luce
Dona per sostenere Cure umanitarie - Frammenti di luce

« Torna all'archivio Storie

Ti potrebbe interessare

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per restare aggiornato sulle novità del mondo pediatrico